Non solo la continua esposizione a schermi di pc, tablet e smartphone: anche l'avanzare dell'età contribuisce al fastidioso bruciore agli occhi

Allergie, esposizione alle luci blu, stanchezza: sono tanti i fattori che possono spiegare il bruciore agli occhi che spesso si prova anche in assenza di particolari patologie o trattamenti. A contribuire infatti, come ha spiegato alla rivista Io Donna la Dottoressa Monica Varano, direttore scientifico dell'IRCCS Fondazione Bietti per lo studio in Oftalmologia, è anche l'età. Non parliamo solo di un semplice invecchiamento dell'occhio, ma di fastidi che si possono presentare già superata la prima soglia degli "anta" sopratutto nelle donne. 

A favorire la secchezza oculare è infatti il calo degli estrogeni che si verifica nel periodo della menopausa. Essi infatti, tra le altre funzioni, svolgono il un importante ruolo nella regolazionedella secrezione delle lacrime.
 
Guai però ai rimedi "fai da te": per appurare la gravità e la serietà della situazione è fondamentale rivolgersi ad un professionista. Sono sufficienti delle visite da un oculista infatti per conoscere la terapia e gli accorgimenti più adatti senza sottoporre l'occhio a stress inutili che potrebbero portare allo sviluppo di cheratiti o congiuntiviti.
 
16 Giugno 2021